Jazz nel pomeriggio

sabato 17 luglio 2010

The Third World - The Gig (Herbie Nichols)

  Da quando ho cominciato questo blog (che altro non è che una condivisione di ascolti che di giorno in giorno mi va di fare, senza altro criterio che il gusto e il whim del momento), da quando ho cominciato, dicevo, ancora non mi è capitato di parlare di Herbie Nichols. È uno dei miei preferiti, ma mentre ascoltavo il pezzo suo che segue e altri dal medesimo disco, pensavo che pur con tutto l’entusiasmo che nutro per questo compositore e pianista, non saprei bene che cosa scriverne. Forse è proprio il piacere che mi dà il suo ascolto che non me ne lascia dire molto, come mi capita con Duke Ellington.
  Importa comunque fartelo ascoltare o riascoltare, limitandomi per questa volta a farti notare la modernità della progressione armonica in The Third World e la singolarità della forma (un tema di 67 battute) in The Gig.

  The Third World, da «The Complete Bue Note Recordings», Blue Note 8 59355 2. Herbie Nichols, piano; Al McKibbon, contrabbasso; Art Blakey, batteria. Registrato il 6 maggio 1955.





  The Gig, ib. Herbie Nichols, piano; Al McKibbon, contrabbasso; Max Roach, batteria. Registrato il primo agosto 1955.


Nessun commento: