Jazz nel pomeriggio

martedì 20 luglio 2010

I’ll Remember April (Erroll Garner)

  Errol Garner impersonava un bel po’ dei luoghi comuni sui jazzmen che mandano in bestia gli intenditori avvertiti: musicalmente analfabeta e renitente all’istruzione (ci provò Mary Lou Williams) e di conseguenza autodidatta, in possesso di un orecchio soprannaturale e di una facilità enorme. È vero che l’essere autodidatta non esclude un tirocinio impegnativo, per quanto inortodosso, come è vero che lo stile di Garner non è immaginabile diversamente, distante com’è da tutti gli altri, soprattutto da quelli dei pianisti della sua generazione fra i quali Garner è probabilmente l’unico a non recare la minima traccia di Bud Powell. Il suo pianismo orchestrale ha l’impianto ritmico delle orchestre Swing e la disinvoltura armonica dei bopper, coi quali ebbe però contatti sporadici e nessuna affinità, malgrado le note incisioni con Charlie Parker.
  «Concert By The Sea» è uno dei live più famosi del jazz. Fu registrato nel 1955 a Carmel, località sulla costa della California settentrionale, in un locale che era una chiesa sconsacrata. Il suono ambientale è scadente (gli accompagnatori, fra cui il grande Denzil Best, si sentono appena), il pianoforte suona spesso come un concerto di barattoli, ma questo è l’I’ll Remember April più entusiasmante che io conosca.

  I’ll Remember April (Raye-De Paul), da «Concert By The Sea», Columbia 40589. Erroll Garner, piano; Eddie Calhoun, contrabbasso; Denzil Best, batteria. Registrato il 19 settembre 1955.


Nessun commento: