Jazz nel pomeriggio

martedì 1 giugno 2010

Stolen Moments (Oliver Nelson)

  Ho tre ragioni per proporti questo magnifico pezzo di Oliver Nelson: apre uno dei miei dischi preferiti, «The Blues and the Abstract Truth»; contiene due assoli strabilianti di Freddie Hubbard e di Eric Dolphy (questo, forse, nella sua brevità, il più bell’assolo di flauto che Eric abbia affidato al disco) e uno molto espressivo del leader, normalmente non un grande saxofonista; e ha un’insolita stuttura «telescopica» ABC, in cui la sezione A è di otto battute, la B di quattro e l’ultima, praticamente una coda, di due, oltre a una magnifica introduzione.

  Stolen Moments (O. Nelson), da «The Blues and the Abstract Truth», Impulse! IMP 11542. Freddie Hubbard, tromba; Oliver Nelson, sax tenore; Eric Dolphy, flauto; George Barrow, sax baritono; Bill Evans, piano; Paul Chambers, contrabbasso; Roy Haynes, batteria. Registrato il 23 febbraio 1961.

5 commenti:

fran-tes-to ha detto...

Dolphy qui oscilla fra concentrazione e volo, che bello. Gran bel blog, i post sono molto stimolanti, anche nei (rari) casi in cui conosco i pezzi.

Marco Bertoli ha detto...

Grazie! Dolphy ricorrerà ancora spesso, e molti altri che spero continuino a farti contento.

Marco

John Z ha detto...

Grande, anch'io considero The Blues and the Abstract Truth uno dei miei dischi del cuore... Bel blog, bravo Marco:-)

Marco Bertoli ha detto...

Grazie "John"

Anonimo ha detto...

Anche per me questo è uno dei dischi del cuore. Grande Dolphy, sempre un'emozione ascoltarlo (e vederlo !!!!)
Spezzo una lancia a favore di uno dei pochissimi veri discepoli di Dolphy, un italiano di nome Edoardo Ricci; ha attraversato 40 anni di jazz italiano, e nessuno, o quasi, se ne è accorto.

Roberto Del Piano