Jazz nel pomeriggio

domenica 29 agosto 2010

From A Flat To C (John Kirby)

  Il raffinato sestetto di John Kirby, gli Onyx Club Boys, aveva arrangiamenti di Charlie Shavers, Buster Bailey (il leader originale) e Billy Kyle.

  È di Kyle questo From A Flat To C, basato sulle armonie del gershwniano I Got Rhythm negli assoli ma che nel tema usa una progressione armonica («da La bemolle a Do») che sarebbe di lì a pochissimi anni entrata nel vocabolario del jazz moderno.

  From A Flat To C (Kyle) da «John Kirby, 1938-39», Classics 750. Charlie Shavers, tromba, Buster Bailey, clarinetto, Russell Procope, sax alto, Billy Kyle, piano, John Kirby, contrabbasso, O’Neil Spencer, batteria. Registrato il 28 Ottobre 1938.


3 commenti:

sergej ha detto...

Hai letto l'ultimo volume di Schuller, uscito da poco per EDT?
Io lo sto finendo in questi giorni, e dà del sestetto di Kirby un giudizio piuttosto duro (tipo: "bravissimi, ma privi di reale contenuto musicale"), che io trovo alquanto esagerato.

Marco Bertoli ha detto...

Non l'ho letto ancora. Con tutti i meriti dell'opera di Schuller, molti suoi giudizi critici non mancano di lasciare perplessi. Oddìo, non che i dischi del sestetto di Kirby siano dei capolavori del jazz, certo…

sergio pasquandrea ha detto...

capolavori no, ma schuller sembra trattarli alla stregua di esotiche bizzarrie fini a se stesse, arrivando ad affermare che "non hanno nulla a che vedere con il jazz" e che potevano piacere solo ai turisti che arrivavano ubriachi sulla 52esima strada alla ricerca di "questo nuovo jazz pazzo".
decisamente esagerato, IMO...

quanto a schuller, in effetti molti suoi giudizi sono discutibili, ma la sua conoscenza del jazz è talmente enciclopedica e la sua capacità analitica così affabulatoria, che è sempre un piacere essere in disaccordo con lui.