Jazz nel pomeriggio

sabato 2 aprile 2011

Damn! Someone Stole My Pants - Hey Mon (Leroy Vinnegar)

  Leroy Vinnegar, roccioso bassista di tante session losangeline degli anni Cinquanta, Sessanta a Settanta, ha scelto anticonformisticamente d’intitolare questo suo disco, decisamente virato al funk, «Glass of Water», laddove un protocollo non scritto del genere, fin dai giorni del soul jazz, prescriveva piuttosto titoli che evocassero temperie torride o, se culinari, il crassume del soul food (che è delizioso, non se hai colesterolo e trigliceridi alti, però) (è anche vero che l’aceto – vinegar – i grassi li scioglie).

  Nota come Leroy, armato di un contrabbasso neanche molto amplificato, stenda sotto i piedi del pianista Dickerson un tappeto-groove che tanti bassisti elettrici si sognerebbero, tanto nel misteriosamente titolato primo pezzo, quanto nel calypso che segue.

  Damn! Someone Stole My Pants (Vinnegar), da «Glass of Water», Legend Records LGS-1001. Dwight Dickerson, piano elettrico; Leroy Vinnegar, contrabbasso; Chuck Carter, batteria. Michel Barrere, percussioni. Registrato nel 1973.



  Hey Mon (Vinnegar), ibid.

Nessun commento: