Jazz nel pomeriggio

venerdì 21 gennaio 2011

Tones for Joan’s Bones (Chick Corea) (Ahmad Jamal)

  Ahmad Jamal, apparentemente fermo in uno stile cristallizatosi molto presto in una sua perfezione (ma non è tanto vero), almeno fino a un certo momento ha tenuto le orecchie aperte ai suoni nuovi, e non mi riferisco alla sua discutibile e non brevissima parentesi easy listening, fra anni Settanta e Ottanta. Per esempio, Jamal mise per tempo in repertorio questa composizione di Chick Corea, Tones for Joan’s Bones, che dava titolo al primo disco a proprio nome di costui, del 1966.
  Qui ti propongo la versione del suo autore (riascoltandola poco fa dopo anni, mi è parso di cogliere dei precisi tratti di Jamal nel suo stile giovanile), poi una di Jamal ripreso dal vivo nel 1981 con l’argento vivo addosso. Come sempre, suonando composizioni altrui Jamal le decompone e ricompone rendendole proprie. Qui, la ballad di Corea poco manca che sia irriconoscibile, a non sapere prima che cos’è; Ahmad vi sottrae perfino quel poco di sentimentale che vi era rimasto dopo che Corea avea provveduto a eliminarlo fin dal nome (la Joan di cui alle ossa del titolo era l’allora moglie di Corea, e il titolo, come Corea spiega nelle note, intendeva appunto smentire ogni sospetto di mushiness).

  Tones for Joan’s Bones (Corea), da «Tones for Joan’s Bones», Atlantic 8122-75352-2. Chick Corea, piano; Steve Swallow, contrabbasso; Joe Chambers, batteria. Registrato il primo dicembre 1966.



  Tones for Joan’s Bones, da «Ahmad Jamal Live at MIDEM with Gary Burton», Black Label BLCD 8031. Ahmad Jamal, piano; Sabu Adeyola, contrabbasso; Payton Crossley, batteria. Registrato il 26 giugno 1981.

Nessun commento: