Jazz nel pomeriggio

mercoledì 17 novembre 2010

Anthropology (Claude Thornhill-Gil Evans)

Dell’orchestra di Claude Thornhill e della sua importanza storica ti ho detto qui. Nel 1947 Gil Evans scrisse per l’orchestra questo arrangiamento del classico del bebop Anthropology, singolarissimo in primo luogo per l’introduzione… del tutto fuori luogo, con l’obsoleto piano del leader, e poi con un’esposizione dall'accentuazione sbilenca del già accidentato tema. Il solista di sax alto è Lee Konitz, ventenne ma già riconoscibile; alla chitarra, Barry Galbraith.

Anthropology (Parker), da «Adios», Nostalgia NSTC 06. Eddie Zandy, Louis Mucci, Emil Terry, tromba; Vahey Takvorian, Allan Langstaff, trombone; Walter Welscher, Sandy Siegelstein, corno; Bill Barber, tuba; Danny Polo, clarinetto; Lee Konitz, sax alto; Micky Folus, clarinetto basso, sax tenore; Mario Rollo, sax tenore, clarinetto; Bill Bushey, clarinetto basso; Claude Thornhill, piano; Barry Galbraith, chitarra; Joe Shulman, contrabbasso; Bill Exiner, batteria; Gil Evans, arrangiamento. Registrato il 4 settembre 1947.


2 commenti:

Reminiscing in Tempo ha detto...

Curiosità: alcune delle battute di questo arrangiamento (2:03-2:16) furono poi utilizzate da Gil Evans come sigla radiofonica per le dirette dal Royal Roost dove nel 1948 si esibiva Miles Davis con il suo nonetto che in seguito verrà denominato 'tuba band', col quale registrò quella serie di brani che fu in seguito raccolta nel famoso album-manifesto Birth of the Cool. La sigla in questione si può ascoltare nelle poche registrazioni live che ci sono pervenute (raccolte nel disco The Complete Birth of the Cool) ed è intitolata Birth of the Cool Theme.

P.S.: è da poco tempo che conosco questo blog e questo è il mio primo commento. Complimenti davvero per questo ottimo spazio di condivisione di ottimo jazz!

Marco Bertoli ha detto...

Interessante! Benvenuto qui, credo che il blog abbia fatto un eccellente acquisto.