Jazz nel pomeriggio

mercoledì 15 dicembre 2010

Ostrich Walk (Bix Beiderbecke - Frankie Trumbauer)

  Di Bix si osservano sempre il lirismo e la bellezza della sonorità, ma il fatto è anche che suonava (e faceva suonare gli altri) sempre con un drive e uno swing impressionanti.

  Ostrich Walk (LaRocca-Shields), da «Bix Beiderbecke Vol. 2», Columbia. Bix Beiderbecke, cornetta; Frankie Trumbauer, sax tenore in do; Don Murray, clarinetto; Bill Rank, trombone; Doc Ryker, sax alto; Irving Riskin, piano; Eddie Lang, chitarra; Chauncey Morehouse, batteria. Registrato il 9 maggio 1927.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Ma perché si parla sempre con molta sufficienza di La Rocca, se poi era capace di scrivere delizie come questa? (Non è una domanda retorica). Certo, qui c'è il valore aggiunto (e che valore!) di Bix...
Paolo

Marco Bertoli ha detto...

È vero, sono anch'io un estimatore della ODJB. Hai sentito i NORK che ho pubblicato tempo fa?

Anonimo ha detto...

Ovviamente. Dopodiché, per tornare a La Rocca: riconosciutigli tutti i meriti di questo mondo, la sua pretesa di essere immune da influenze nere era davvero, come tu dici, sfacciata. A questo proposito ho letto di recente un libro su di lui (di Claudio Lo Cascio) che, pur interessante per altri motivi, sviluppa quella stessa tesi, del tutto inaccettabile, a mio avviso. Tu l'hai letto?
Paolo (che raramente commenta, per vergogna della sua inadeguatezza, ma sempre ti segue)

Marco Bertoli ha detto...

Non ho letto il libro di Lo Cascio, me lo procurerò senz'altro, grazie (altro che inadeguatezza, io vado orgoglioso del livello dei miei pochi lettori e mi sforzo di esserne all'altezza).