Jazz nel pomeriggio

mercoledì 7 settembre 2011

[Guest Post #5] Negrodeath & Sun Ra e James Carter

  Il dr. Jeckyll che ha scelto e commentato con sobria competenza questi due pezzi è in altri tempi e luoghi il mister Hyde che si fa chiamare Negrodeath, titolare di Sei un Idiota Ignorante, il blog più privo di autocensure del dominio italiano. Non ho mai incontrato N. di persona ma ho molte ragioni di supporlo un quieto e dimesso studioso, e ciò a dispetto di alcune frequentazioni musicali assai meno distinte di quelle di cui qui ci ha fatto parte.

  Nel 1958 Sun Ra prende questo standard degli anni ’30 e lo sottopone al suo trattamento orchestrale. Il risultato non è molto lontano dagli indigo ellingtoniani - quei pezzi suadenti, sensuali, lenti e un po’ misteriosi che sono inconfondibilmente «ducali» (Mood Indigo, Sophisticated Lady etc). La tromba di Hobart Dotson si lancia in un assolo malinconico ed essenziale, volando sul velluto ellingtoniano stesogli sotto i piedi dall’orchestra.

  Hour of Parting (Kahn-Spolianski), da «Sound Sun Pleasure!!», Evidence 22014. Hobart Dotson, tromba; Bo Bailey, trombone; Marshall Allen, James Spaulding, sax alto; John Gilmore, sax tenore; Pat Patrick, Charles Davis, sax baritono; Sun Ra, piano; Ronnie Boykins, contrabbasso; William Cochran, batteria. Registrato nel 1958.



  Download

  È possibile, per un quartetto, riprendere questo pezzo omaggiando sia Sun Ra che Duke Ellington? Sì, se il quartetto è quello di James Carter, che impugna il contralto e si trasforma in una strepitosa reincarnazione moderna di Johnny Hodges, scivolando sull’accompagnamento solido e regolare stesogli sotto i piedi dai compagni.

  Hour of Parting, da «JC on the Set», DIW Columbia 661449. James Carter, sax alto; Craig Taborn, piano; Jaribu Shahid, contrabbasso; Tani Tabbal, batteria. Registrato il 14 o il 15 aprile 1993.



  Download

Nessun commento: