Jazz nel pomeriggio

lunedì 31 maggio 2010

Straight Street (John Coltrane)

  Per il primo disco a suo nome,  intitolato «Coltrane», del 1957, John Coltrane scrisse due composizioni (Straight Street e Chronic Blues) e arrangiò un pezzo di Cal Massey (Bakal) e due standard per una front line con tre fiati.

  Straight Street è significativa per due motivi: perché presenta già il gusto della complicazione armonica, della vera corsa a ostacoli fra i cambi d’accordo (si pensi a Moment's Notice in «Blue Train») che gli sarebbe servito come punto di partenza per poi, verso il 1960, liberarsi degli accordi, e per il titolo: la «retta via» è probabilmente quella della sobrietà, che Coltrane aveva da poco imboccato dopo anni di dipendenza dall’alcol e dall’eroina.
  Con lui, naturalmente al sax tenore, suonano l’ignoto Johnny Splawn alla tromba, Sahib Shihab al sax baritono, Mal Waldron (chi si rivede) al piano, Paul Chambers al contrabbasso e Albert 'Tootie' Heath alla batteria. Da «Coltrane», Prestige-OJCCD-020-2. Registrato il 31 maggio 1957, esattamente cinquantatré anni fa!


Nessun commento: