Jazz nel pomeriggio

giovedì 13 marzo 2014

Manhattan Reflections (Ahmad Jamal)

 Manhattan Reflections è una di quelle composizioni estese, sezionali, con lunghi episodi che insistono su un pedale armonico, che ad Ahmad Jamal sono uscite frequentemente di penna dagli anni Settanta in poi. Sono musiche spesso insolitamente inquiete per un temperamento apollineo come il suo, con forti contrasti dinamici e tonali.

 In questo bel disco ormai di una ventina d’anni fa, registrato parte a Parigi e parte a New York, Jamal ha ampliato la formazione aggiungendo in questo pezzo un antico sodale, il violinista Joe Kennedy (col quale l’hai già sentito qui sopra), che si comporta bene come non sempre i violinisti jazz sanno fare, e il percussionista Manolo Badrena, che avrebbe poi impiegato spesso.

 Manhattan Reflections (Jamal), da «Big Byrd. The Essence, part 2», Birdology 529447-2. Joe Kennedy, violino; Ahmad Jamal, piano; Jamil Nasser, contrabbasso; Idris Muhammad, batteria; Manolo Badrena, percussioni. Registrato il 6 febbraio 1995.



 Download

2 commenti:

LUIGI BICCO ha detto...

Jamal è sempre un bel sentire. Molto caratteristico il brano e si, il lavoro al violino è notevole.

Marco Bertoli ha detto...

Anche Manolo Badrena per una volta non è di troppo.