Jazz nel pomeriggio

lunedì 23 luglio 2012

Davenport Blues - Straight, No Chaser (Gil Evans)

 Dagli anni d’oro di Gil Evans, nel bel mezzo delle classiche collaborazioni con Miles Davis. In Davenport Blues, affidata al bravissimo Johnny Coles (oltre che a Steve Lacy e a Curtis Fuller), c’è traccia delle fantasie concertanti che Evans aveva appena cominciato a esprimere con Miles. 

 Straight No Chaser è un arrangiamento di grande semplicità di mezzi, dispiegati con senso accorto dell’architettura musicale e della tessitura sonora. Sintetizzando lo schema tracciato nelle note da David Baker, nel primo chorus la melodia di Monk è esposta in ottave; nel secondo, in ottave e, in una voce, una terza sopra; nel terzo, come nel secondo più, sovrapposta, l’inversione del tema; nel quarto chorus, come nel terzo più dei frammenti di tema sullo sfondo, più il sax soprano; nel quinto, come sopra, più l’assolo di soprano.

 Chiude il pezzo lo strano, inaudito trillo di piano, chitarra e flauto che lo aveva aperto.

 Davenport Blues (Beiderbecke), da «Great Jazz Standards», World Pacific/Poll Winners Records, PWR 27214. Johnny Coles, Louis Mucci, Allen Smith, tromba; Bill Elton, Curtis Fuller, trombone; Dick Lieb, trombone basso; Bill Barber, tuba; Al Block, ance, flauto; Steve Lacy, sax soprano; Gil Evans, piano; Chuck Wayne, chitarra; Dick Carter, contrabbasso; Denis Charles, batteria. Registrato a New York nel 1959.



 Download

 Straight, No Chaser (Monk), id.



 Download

Nessun commento: