Jazz nel pomeriggio

domenica 5 febbraio 2012

Notes for Eddie (Sonny Rollins)

  Alla metà degli anni Settanta o forse appena prima – questo disco è del 1973 – , Sonny Rollins aveva raggiunto il punto di massima densità del suo linguaggio: poche note di grande peso specifico, articolate in modo possente ma quasi a fatica, con un senso di torsione muscolare (volevo dire michelangiolesca, poi mi sono trattenuto appena in tempo).

  Il contorno sonicamente diffuso, elettrico, un po’ funky, molto Seventies, accentua il drammatico bassorilievo del sax.

  Notes for Eddie (Rollins), da «Horn Culture», Milestone M-0951. Sonny Rollins, sax tenore; Masuo, chitarra; Walter Davis Jr., piano; Bob Cranshaw, basso elettrico; David Lee, batteria; Mtume, percussioni. Registrato nel 1973.



  Download

3 commenti:

Anonimo ha detto...

"Horn culture" è il disco che preferisco, tra i suoi dei settanta. Non so perché Cook, sulla Penguin Guide, lo massacrò con inusuale ferocia.
M.G.

Marco Bertoli ha detto...

È un disco che ha avuto pochissima fortuna, chissà perché, visto che è sì piuttosto datato, ma mi pare che vi suonino tutti bene.

Richard Cook, che stimo, nella Penguin, a volte, quando parla di molti dischi 'en masse', sembra fare un po' di confusione.

Giorgio ha detto...

mah, qui Sonny sembra quasi cercare una sintesi del suo stile, ma in realtà non gli riesce bene, perchè si capisce che si trattiene. Concordo abbastanza con Cook, sebbene adori le atmosfere '70