Jazz nel pomeriggio

domenica 1 gennaio 2012

Hymn for the Old Year (Billy Hart) (The World Saxophone Quartet)

  E allora, buon anno 2012, ora che il 2011 è defunto. L’inno che Billy Hart e i suoi compagni hanno dedicato all’anno vecchio, che quella volta era il 1976, comincia piuttosto come una trenodia, continua poi in modo inquietante e finisce su uno sghembo corale, o canto innodico, appunto, alla cui buonafede però, a quel punto, non crede più nessuno.

  Nella medesima composizione di Oliver Lake, tre anni dopo, il World Saxophone Quartet, qui nella sua formazione originale, vista e sentita da me giovanetto a Milano nel 1978.

  Hymn for the Old Year (Lake), da «Enchance», A&M 75021-0818-2. Hannibal Marvin Peterson, tromba; Oliver Lake, sax alto; Dewey Redman, sax tenore; Don Pullen, piano; Dave Holland, contrabbasso; Billy Hart, batteria; Michael Carvin, percussioni. Registrato il 24 febbraio o il 3 marzo 1977.



  Download

  Hymn for the Old Year, da «Revue», Black Saint 120056-2. The World Saxophone Quartet: Oliver Lake, sax soprano; Julius Hemphill, sax alto; David Murray, sax tenore; Hamiet Bluiett, sax baritono. Registrato il 14 ottobre 1980.



  Download

3 commenti:

lillo ha detto...

beh direi che in questo passaggio artistico di testimone, e di tempo vero e proprio (io sono nato nel 1977, quindi direi che sono un coetaneo del pezzo postato), direi che l'anno meglio, è più poeticamente, non poteva cominciare... speriamo soltanto (spero io almeno) che il tempo che ci resta non sia altrettanto terribile di quello appena passato...

Jazz nel pomeriggio ha detto...

Caro amico poeta,

quanto più passa il tempo più io mi convinco che il tempo è buono tanto quanto lo siamo noi… beh, io non sono un poeta e detto così suona effettivamente una stupidaggine.

Buon anno!

lillo ha detto...

è una buona risposta invece :)

buon anno a te!