Jazz nel pomeriggio

lunedì 23 gennaio 2012

Deep Night (Booker Ervin) (Betty Carter)

  Booker Ervin aveva un modo suo, in apparenza sgarbato, di maneggiare le ballad; non si trattava tuttavia dell’approccio sarcastico e perfino malevolo di Sonny Rollins, quanto di una specie di affetto rustico e scontroso.

  Un’altra che con le ballad aveva una maniera tutta sua era Betty Carter, che ti propongo nella sua personalissima versione della medesima canzone di Rudy Vallee. Ad accomunarla a quella di Ervin c’è la presenza di un pianista che apprezzo molto e che ti ho già presentato, John Hicks.

  Deep Night (Vallee-Henderson), da «Structurally Sound», Blue Note 7243 5 27545 2 6. Booker Ervin, sax tenore; John Hicks, piano; Red Mitchell, contrabbasso; Lenny McBrowne, batteria. Registrato nel dicembre 1966.



  Download

  Deep Night, da «The Audience with Betty Carter», Polygram 835 684-2. Betty Carter con John Hicks, piano; Curtis Lundy, contrabbasso; Kenny Washington, batteria. Registrato nel dicembre 1979.



  Download

4 commenti:

Anonimo ha detto...

"Structurally sound" è il mio disco preferito di uno dei miei musicisti preferiti. Quello che hai scritto relativamennte al trattamento che riservava agki standard è perfetto. A proposito: in questo album c'è una versione di "White Christmas" da urlo, con Booker che lavora sulla melodia con logica virile. E con un'esposizione del tema dilatata, articolata, esasperata che mi lascia basito tutte le volte che l'ascolto.
Quanto era bravo, quanto è ancora poco riconosciuto il suo valore...
M.G.

Anonimo ha detto...

Volevo scrivere ballad, ma mi è partito lo standard: ci siamo capiti lo stesso...
M.G.

Marco Bertoli ha detto...

Sì, volevo pubblicare quel White Christmas a Natale ma il Lancianese aveva già provveduto alla musica festiva con Umberto Cesàri… fa niente, lo metto su come bonus per domani.

Anonimo ha detto...

Evvai col bonus...
M.G.