Jazz nel pomeriggio

lunedì 16 gennaio 2012

Dunce - Ad Hoc (Lowell Davidson)

  Un altro di quei musicisti che compaiono e poi via subito e ciao, così tipici del jazz e dell’America degli anni Sessanta: Giuseppi Logan, Earl Anderza, John Jenkins. La ESP di Bernard Stollman si imbatté in diversi di loro, che registrava accompagnandoli, come qui, a musicisti illustri e simpatetici.

  Lowell Davidson (1941-1990), bostoniano, all’epoca era «nella vita» uno studente di chimica. Il fatto che sia morto men che cinquantenne di TBC, nel 1990, mi fa pensare che non se la dovesse passare troppo bene. È una versione minore, in tutti i sensi, del Cecil Taylor secondo periodo, tuttavia interessante per come indaga un côté impressionistico di quel tipo di pianismo e per il modo in cui riesce a sviluppare, da premesse frammentarie e anche esitanti, un discorso musicale intenso e incalzante, anche grazie ai forti accompagnatori, soprattutto Milford Graves.

  Dunce (Davidson), da «Lowell Davidson Trio», ESP 1012. Lowell Davidson, piano; Gary Peacock, contrabbasso; Milford Graves, batteria. Registrato il 27 luglio 1965.



  Download

Ad Hoc (Davidson), id.



  Download

Nessun commento: