Jazz nel pomeriggio

sabato 14 gennaio 2012

Georgia On My Mind (Derek Bailey)

  Giusto dieci anni fa, dietro istigazione di John Zorn (che coppia), Derek Bailey incideva un disco tutto di standard, cavandosela benissimo, direi, anche se in modo piuttosto diverso di come l’avrebbe fatto – per dire – Joe Pass.

  Georgia On My Mind (Carmichael-Gorrell), da «Ballads», Tzadik TZ 7607. Derek Bailey, chitarra. Registrato il primo febbraio 2002.



  Download

7 commenti:

Ire ha detto...

Non mi è piaciuta questa versione... avrei bisogno della partitura per seguirla forse meglio. E' veramente difficile da seguire, forse è per questo che non riesco ad apprezzarla al meglio...

Jazz nel pomeriggio ha detto...

È naturalmente una versione 'decostruita'. Io la seguo così: sto attento, nel corso dell'improvvisazione, a cogliere tutti i brandelli della melodia originale, o i riferimenti a quella. Bailey fa molte cose strane qui, ma per lo più riconducibili alla composizione.

Alberto Forino ha detto...

Mi piace molto, come mi era piaciuta Stella che avevi già postato tempo fa. Mi piace il suo modo di sorprendere e rassicurare al tempo stesso, entrare ed uscire dal riconoscibile. Quantomeno è molto interessante.
aL

Paolo Lancianese ha detto...

Il confronto con Joe Pass si può fare. C'è una sua versione in "Complete Pacific Jazz Sessions" (oltre al disco in cui suona per Ella Fitzgerald) - ed effettivamente il modo di farla è piuttosto, anzi molto, diverso. Diverse le intenzioni, ma che musica!

Paolo Lancianese ha detto...

Bailey, poi, decostruisce dove più dove meno. Nello stesso disco di ballads, "Body and Soul" è ad esempio molto meno oltranzista.

Ire ha detto...

allora mi ascolto meglio la melodia originale, perchè così ad un primo ascolto non sono riuscita a riconoscere niente! o.0 forse la stanchezza mi gioca brutti tiri.. ti farò sapere!

Ire ha detto...

ovviamente la melodia principale all'inizio l'ho riconosciuta eccome! hehe è il seguito che faccio fatica a seguire