Jazz nel pomeriggio

venerdì 25 novembre 2011

Blue Seven - Well, You Needn’t (Jeremy Steig)

  Credo che il flauto sia lo strumento più negletto su Jazz nel Pomeriggio, anzi: ora non mi va di controllare, ma non credo che vi sia mai apparso altro flautista che Eric Dolphy, e anche lui in non più di un paio d’occasioni.

  Metto una toppa con Jeremy Steig, un musicista elusivo, che si è visto poco e ha inciso ancora meno (credo che oggi si dedichi in prevalenza alla pittura, sulle orme del padre, storico vignettista del New Yorker) ma che fra anni ’60 e ’70 fu gradito al pubblico e apprezzato dai colleghi, tanto che Bill Evans, che come non tutti sanno era un discreto flautista, lo volle con sé in un disco.

  Sul finire degli anni Sessanta la musica di Steig virò verso la fusion, ma il suo disco d’esordio «Flute Fever» (1963) era prettamente jazzistico, composto tutto di standard o di celebri composizioni jazz come appunto Blue Seven, leggendaria esecuzione di Sonny Rollins (con il titolo originale di Blue 7) in «Saxophone Colossus», e Well, You Needn’t. Il suono raschiato, fischiante di Steig si deve anche alla particolare imboccatura che era costretto a usare per via di un qualche incidente che aveva subìto alla bocca.

  Nel disco si ascolta anche il concettoso pianista Danny Zeitlin, un altro artista che, come Steig, ha sempre alternato la musica con un’altra attività: nel caso suo, la psichiatria.

  Blue Seven (Rollins), da «Flute Fever», CBS/Sony SOPM 159. Jeremy Steig, flauto; Danny Zeitlin, piano; Ben Tucker, contrabbasso; Ben Riley, batteria. Registrato il 23 ottobre 1963.



  Download

  Well, You Needn’t (Monk), id.



  Download

3 commenti:

lillo ha detto...

bellino! è un pò di giorni che provo a pubblicare dei commenti col mio account ma ogni volta mi segna errore. speriamo bene stavolta...

lillo ha detto...

o perfetto!! :)

Jazz nel pomeriggio ha detto...

Benvenuto!