Jazz nel pomeriggio

martedì 27 gennaio 2015

Soul Sign Eight – Sunny (Hampton Hawes)

 Un tardo Hampton Hawes, di fatto a meno di un anno dalla morte, concentrato ed essenziale quanto mai e anche aggiornato nel linguaggio. La compagnia è ideale.

 Hampton tornava al pianoforte dopo aver trascorso buona parte di quella prima metà dei Settanta dietro un piano elettrico, lo strumento-simbolo del jazz tinto di soul di quel periodo. Come si sente qui, Hawes non ne aveva bisogno per essere funky e soulful, anzi: sullo strumento elettrico, la mancanza del suo tocco inconfondibile andava a scapito dello swing.

 Soul Sign Eight (Hawes), da «At The Piano», [Contemporary] OJCCD 877. Hampton Hawes, piano; Ray Brown, contrabbasso; Shelly Manne, batteria. Registrato nell’agosto 1976.



 Download

 Sunny (Hebb), id.



 Download

Nessun commento: