Jazz nel pomeriggio

lunedì 29 settembre 2014

Calypso – The Star-Crossed Lovers (Kenny Barron)

  Kenny Barron nel suo primo disco di piano solo (1981) si diverte con lo scheletro di un calypso – dispettosamente, lo titola Calypso – , poi suona con sensibilità ed eloquenza The Star-Crossed Lovers di Billy Strayhorn, da «Such Sweet Thunder» di Duke Ellington. Voglio dirti, pour parler, che ho scelto invece di tralasciare due interpretazioni monkiane che in teoria avrebbero dovuto essere pezzi forti del disco, Misterioso e Rhythm-A-Ning, l’una perché senza carattere, l’altra perché macchinosa e spettacolare sopra tutto il resto; è più interessante e «sentito», invece, un contraffatto budpowelliano, Bud-Like appunto, che ti farò ascoltare un’altra volta; e se non me ne ricordassi, ricordamelo tu.

 Impossibile trovare in queste due esecuzioni qualcosa da criticare seriamente, anche a costo di fare quello che spacca il capello in quattro, parte che ha finito per stufarmi; difficile, forse, anche trovare qualcosa che si faccia ricordare, ma poco importa in questa mattina, perché Kenny Barron suona sempre bene, benissimo!, e la canzone di Strayhorn, soprattutto, è così bella che quasi quasi si suona da sola.

 Calypso (Barron) da «At The Piano», Xanadu 188. Kenny Barron, piano. Registrato il 13 febbraio 1981.



 Download

 The Star-Crossed Lovers (Strayhorn), id.



 Download

Nessun commento: