Jazz nel pomeriggio

venerdì 20 giugno 2014

Sunday (Ben Webster & Don Byas)

 Crepuscolo degli dèi. Due protagonisti del sax tenore, grosso modo coetanei, s’incontrano negli anni di un tramonto che per entrambi fu precoce, affrettato da una carriera logorante e dalla compagnia immancabile del bicchiere.

 Come avevamo già osservato un’altra volta, la sonorità di Don Byas aveva a questo punto già perso il suo nerbo e con esso la sua lussurreggiante flessuosità; e a questo punto, curiosamente, si avverte nel suo fraseggio, molto forte, l’influsso di John Coltrane, musicista della generazione successiva alla sua. Ben Webster è semplicemente quasi spento, ma fra un soffio e l’altro le sue pause riescono ancora ad essere specialmente espressive.

 Tete Montoliu e il tedesco Peter Trunk in quegli anni erano fra i maggiori specialisti europei dei rispettivi strumenti.

 Sunday (Cann-Miller-Krueger-Styne), da «Ben Webster Meets Don Byas», MPS 827 920-2. Ben Webster, Don Byas, sax tenore; Tete Montoliu, piano; Peter Trunk, contrabbasso; Albert «Tootie» Heath, batteria. Registrato nel febbraio 1968.



 Download

2 commenti:

loopdimare ha detto...

titolo perfetto, vista la casa discografica...

Marco Bertoli ha detto...

Quanti bei dischi ha fatto!