Jazz nel pomeriggio

lunedì 2 giugno 2014

St. Louis Blues (Fats Waller)

 St. Louis Blues, scritta da W. C. Handy, pubblicata nel 1914, unisce la forma (semplificata) del ragtime e quella della canzone, l’armonia e il profilo melodico del blues e, nel bridge-introduzione, il ritmo afro-sudamericano del tango: come per annunciare al mondo musicale d’Occidente l’arrivo di una forza nuova e torrenziale, in procinto di cambiare tutto.

 Interpretazione vigorosissima, intensamente espressiva, di Fats Waller e Benny Payne, del 1930. Nella coda, Fats – che fa la parte del leone, Payne essendo un efficiente supporto – cita il secondo tema di African Ripples.

 St. Louis Blues (Handy), da «Fats Waller. Complete Victor Piano Solos», Definitive Records DCD11297. Fats Waller e Benny Payne, piano. Registrato il 21 marzo 1930.



 Download

1 commento:

loopdimare ha detto...

nel bridge-introduzione, il ritmo afro-sudamericano del tango, abbondantemente suggeristo dallo stesso autore...