Jazz nel pomeriggio

sabato 8 settembre 2012

The Folks Who Live On the Hill - Love Is the Sweetest Thing - Strange Music - Playin’ My Hunch (Budd Johnson)

 Sabato dovizioso di musica con uno dei meno conosciuti fra i grandi del tenore (direi fra i grandi del jazz), Budd Johnson, qui a metà degli anni Sessanta, e si sente, con il delizioso trombettista Joe Newman e una sezione ritmica di quelle di cui sono solito dire che, con loro, suonerei bene anch’io.

 Fa’ attenzione, al piano, ad Albert Dailey, qui già sentito con Dizzy Reece, Charlie Rouse ed Eddie Davis. E apprezza come Johnson e Newman ci vadano giù funky in Playin’ My Hunch: era il 1964.

 The Folks Who Live On the Hill (Kern-Hammerstein II), da «Off the Wall», Argo LP-748. Joe Newman, tromba; Budd Johnson, sax tenore; Al Dailey, piano; Richard Davis, contrabbasso; Grady Tate, batteria. Registrato il 5 dicembre 1964.



 Download

 Love Is the Sweetest Thing (Noble), id.



 Download

 Strange Music (Wright-Forrest), id.



 Download

Playin’ My Hunch (Johnson), id.



 Download

3 commenti:

Paolo Lancianese ha detto...

Dev'essere successo un pasticcio. Hai caricato per quattro volte "Playin' My Hunch" - funkyssimo davvero, soprattutto se lo senti per quattro volte di seguito. La scelta dei brani è invece azzeccatissima, perché mette in luce aspetti anche diversi della personalità di Budd Johnson ("The Folks who Live in the Hill" è ad esempio una splendida ballad. Ma era a suo agio con tutto, e alle origini del bebop c'è anche lui).

loopdimare ha detto...

"The Folks who Live in the Hill" è una grande ballata, l'aspetto...

Marco Bertoli ha detto...

maledetta baracca di Divshare… adesso rimedio