Jazz nel pomeriggio

sabato 22 settembre 2012

Strange Brew (Cream)

 I Cream hanno praticato una delle poche brecce nel muro d’indifferenza, quando non di fastidio, che mi ha spesso separato dal rock. Canta Eric Clapton.

 Blues dedicato al mio amico Emanuele, che tanto non mi legge.

 Strange Brew (Clapton-Collins-Pappalardi), da «Disraeli Gears», Polydor 823 636-2. Cream: Eric Clapton, chitarra; Jack Bruce, basso elettrico; Ginger Baker, batteria. Registrato nel novembre 1967.



 Download

10 commenti:

lillo ha detto...

i cream qui dentro mi fanno lo stesso effetto del monolite nero sceso sulla terra, di 2001 odissea nello spazio.

Marco Bertoli ha detto...

Stai paragonando i miei lettori a una colonia di scimmioni antropomorfi?

Alberto Forino ha detto...

Questo post giunge veramente inaspettato! O_O

Ho avuto il periodo Cream a 16/17 anni quando con gli amici volevamo fare un gruppo di rock inglese. Con il passare del tempo le cose sono poi andate diversamente.

Ad ogni modo devo dire che proprio non mi dispiace.

aL

mauro ha detto...

anche io a 15 anni ho cominciato dai cream ad ascoltare musica....
che ricordi...

Marco Bertoli ha detto...

«Jazz nel pomeriggio, il blog che vi conosce meglio di voi stessi».

lillo ha detto...

non mi permetterei mai!

(fra l'altro adoro eric clapton) ;)

sergio pasquandrea ha detto...

io invece, pensa, un po' di rock lo ascolto, ma se c'è di mezzo Clapton, mi scatta un odio istintivo e invincibile...

negrodeath ha detto...

Io come sai ascolto un sacco di rock, e la penso come Sergio Pasquandrea. :)

Marco Bertoli ha detto...

Lo so che quando si tratta di rock io sono in un modo o nell’altro un extraparlamentare…

Anonimo ha detto...

Lo sai, vero, che a Genova ti aspettano pataffiate di rock, pallanuoto, rugby, atletica leggera, pugilato, focaccia, bianchetta e vermentino?
M.G.