Jazz nel pomeriggio

martedì 8 maggio 2012

Theme for Ernie (John Coltrane)

 Ho saputo che il cha-cha-cha di ieri ha fatto ballare un intero ufficio, nella gelida e scostante Pordenone. Lieto di aver posto così il mio piccolo ostacolo alla crescita economica del Paese, giusta le applicazioni della novissima Economia Politica Tecnica, oggi sperimento sullo stesso ufficio gli incanti di Coltrane balladeur.

 Theme for Ernie (Lacey), da «Soultrane», Prestige/MFSL UDSACD 2020. John Coltrane, sax tenore; Red Garland, piano; Paul Chambers, contrabbasso; Art Taylor, batteria. Registrato il 7 febbraio 1958.



 Download

8 commenti:

Paolo Lancianese ha detto...

Bisogna che qualcuno ci aggiorni sulla situazione a Pordenone oggi.
Il Coltrane balladeur è comunque supremo.

Anonimo ha detto...

A Pordenone stamane splendeva il sole. Il supremo Coltrane si è insinuato nei convenevoli mattutini mitigando lo spleen di talune signore alle prese con bizzosi figli adolescenti, incoraggiando la maliziosa vanità di altre più giovani, predisponendo i signori alla cortesia e alle buone maniere e regalando a me un idilliaco inizio di giornata lavorativa.

V.

Marco Bertoli ha detto...

Sarebbe meglio evitare JnP come prima cosa al mattino, perché il resto della giornata non potrà che essere inferiore.

Anonimo ha detto...

Non è detto. Se prendi un abbrivio di lusso puoi anche arrivare a fine giornata senza fare una piega.

V.

Anonimo ha detto...

Sono esteticamente perverso, quasi quanto Paolo Interdonato: i like Pordenone. E se anche cominciasse a manifestarmi freddezza ed ostilità, mi consolerei con del prosciutto di Sauris, da sbocconcellare in qualche enoteca in compagnia di una ribolla gialla spumantizzata.
Valentinaaaaa, quando scendi a sud ovest, a provare cortese, farinata e torta di bietole e prescinsuea? Il dottor Bertoli è pigro ed adduce scuse improbabili, procrastina e dilaziona: se non lo portano a valle i venti provenienti da Cormons, col cavolo che lo vediamo, noi liguri scontrosi.
M.G.
M.G.

Anonimo ha detto...

M.G., mai assaggiato la pitina della Val Tramontina?
Il dottor Bertoli mi sembra che si fosse impegnato, dopo aver concluso un lavoro che aveva in ballo, di organizzare "seriamente" la mangiata con sbornia.
Aspettiamo speranzosi di superare questa metaforica zona di convergenza intertropicale.

Valentina

Anonimo ha detto...

Mai assaporata. Ma già PitinadellaValTramontina, già il suono ben dispone...
M.G.

Marco Bertoli ha detto...

Vado via un attimo e cominciate a far casino.


Forza, chi di voi ha vincoli lavorativi e famigliari proponga un giorno che gli conviene, a cominciare da settimana ventura, per il primo convegno nazionale di JnP.