Jazz nel pomeriggio

venerdì 4 gennaio 2013

My Ideal (Art Tatum & Coleman Hawkins)

Art Tatum, 3.

 L‘esecuzione di My Ideal del 1956 sentita ieri, con Ben Webster, mi ha naturalmente riportato a questa del 1944, colta dal vivo nel primo dei leggendari concerti-jam di quell’anno degli «Esquire All-Stars» al Metropolitan. Qui Tatum accompagna il più prestigioso interprete di questa bella canzone, Coleman Hawkins (rinforzano l’ultima nota Roy Eldridge e Barney Bigard).

 Quest’esecuzione è un classico dei classici. Voglio solo pregare che non ti sfugga l’incredibile suono di campane, o meglio di carillon, che Tatum trae dal pianoforte proprio alla fine del suo assolo (2:09-2:011).

 Il presentatore che senti all’inizio è, almeno credo, Leonard Feather.

 My Ideal (Robin-Whiting-Newell), da «Esquire All Stars Vol. 2», Jazz Unlimited JUCD 2017. Coleman Hawkins, sax tenore; Art Tatum, piano; Al Casey, chitarra; Oscar Pettiford, contrabbasso; Sid Catlett, batteria.



 Download

3 commenti:

sergio pasquandrea ha detto...

Si dice sempre della tecnica di Tatum, in termini di velocità, agilità, quantità di note e istrionismi vari. E vabbè.
Ma a me, da pianista men che mediocre, basterebbe già riuscire a riprodurre il suo suono, soltanto il suono.

Paolo Lancianese ha detto...

Ho trovato citate in un libro - e mi piacciono molto - queste parole di Benny Green (il critico inglese, non il pianista americano): "Se Armstrong ha usurpato il ruolo degli altri solisti e Bechet quello dei trombettisti, Tatum ha usurpato il ruolo di ognuno. Lui era la sua stessa sezione ritmica, la sua stessa front-line, il suo stesso arrangiatore, e in molti dei momenti di più straordinaria inventiva anche il suo stesso compositore".

Marco Bertoli ha detto...

Il suono di Tatum è probabilmente la sua impresa tecnicamente più impressionante, soprattutto considerando che i pianoforti che suona nei dischi raramente erano un gran che.

Tatum compositore: mostrarlo in quella luce era precisamente lo scopo del post monstre di due giorni fa.