Jazz nel pomeriggio

domenica 17 febbraio 2013

Ruby, My Dear (McCoy Tyner)

 C’è anche chi la prova Monk la supera non in virtù di un’esecuzione specialmente ispirata o sottile, ma quasi solo per puro vigore (certo, aiuta anche l’avere una sezione ritmica con cui suonerei bene anch’io).

 Ruby, My Dear (Monk), da «Trident», [Milestone] OJCCD-720-2. McCoy Tyner, piano; Ron Carter, contrabbasso; Elvin Jones, batteria. Registrato il 18 o il 19 febbraio 1975.



 Download

2 commenti:

lillo ha detto...

la tua nota è sottilmente cattiva o sbaglio?

Marco Bertoli ha detto...

Sbagli! In Tyner la forza fisica del suonare, come in Coltrane, si risolve (quasi) sempre in una grande musicalità.