Jazz nel pomeriggio

giovedì 29 marzo 2012

How Deep Is the Ocean (Cecil Payne)

  Un’esecuzione del grande standard di Irving Berlin da uno dei massimi sax baritoni del jazz, Cecil Payne. A una delicata introduzione, in cui pare proprio di sentire un tenore, seguono due chorus in cui Cecil esplora gli abissi del registro grave senza perdere di delicatezza.
  Duke Jordan, un musicista che negli ultimi tempi ho rivalutato, secondo suo solito dice molto con poche note.

  How Deep Is the Ocean (Berlin), da «Patterns of Jazz», Savoy MG 12147. Cecil Payne, sax baritono; Duke Jordan, piano; Tommy Potter, contrabbasso; Art Taylor, batteria. Registrato il 19 maggio 1956.



  Download

Nessun commento: