Jazz nel pomeriggio

martedì 1 novembre 2016

What Is This Thing Called Love? (James P. Johnson) RELOADED

Reload dal 28 luglio 2010.
 Da James P. Johnson, massimo rappresentante dello stride piano e uno dei maggiori pianisti di jazz, ecco la prima versione mai registrata di questa celeberrima canzone di Cole Porter, incisa l’anno dopo la sua pubblicazione. 

 Alle nostre orecchie, avvezze a migliaia di interpretazioni moderne, potrà sembrare strana, cupa o addirittura truculenta nei suoi accenti così marcati; in realtà James P. Johnson è più vicino al testo di chiunque, data anche l’ovvia vicinanza temporale alla composizione: nota fra l’altro come ne esegua il verse, cioè la strofa, non si limitandosi al chorus secondo la prassi moderna; quindi, come improvvisi mantenendosi strettamente accosto alla melodia.
What Is This Thing Called Love? (Porter), da «King Of Stride Piano 1918-1944», Giant Of Jazz Recordings. James P. Johnson, piano. Registrato nel gennaio 1930.

2 commenti:

tafuri ha detto...

Ahimè il link non funziona! Ma credo di aver trovato la versione in questione, che è attribuita a tale Jimmy Johnson, che dev'essere lui, inconfondibile con i suoi futuristici e vertiginosi spostamenti di accento della mano sinistra, e l'improvvisazione legata al testo, struggente e americano. Grazie, bellissimo post come sempre.

Marco Bertoli ha detto...

Link riparato.