Jazz nel pomeriggio

lunedì 14 novembre 2016

Spontaneous Combustion (Hank Jones)

 Questo è un post parzialmente di riparazione. Tempo fa ho pubblicato una delle poche prestazioni subpar del glorioso Hank Jones, e l’ho rilevata in modo che ora mi sembra un po’ cafone: non ce n’era davvero bisogno, e comunque l’assolo non era indecoroso. A chi non capita quel quarto d’ora di svoglia?

 Eccolo adesso nel pieno dei suoi mezzi. In più, al flauto, c’è Bobby Jaspar (1926-1963), un belga di grande promessa che brillò brevemente anche in USA, dove sposò la cantante Blossom Dearie, prima di sfinirsi di eroina.

 Spontaneous Combustion (Adderley), da «Hank Jones’ Quartet», Savoy MG 12087. Bobby Jaspar, flauto; Hank Jones, piano; Paul Chambers, contrabbasso; Kenny Clarke, batteria; Registrato il 21 agosto 1956.

2 commenti:

www.albertotafuri.com ha detto...

Ma sai che li trovo bellissimi tutti e due? Hank Jones, con Winton Kelly, Kenny Drew e Red Garland, è uno dei miei eroi, aristocratico ed elegante, con un fraseggio ricchissimo e ricercato. Grazie!

Marco Bertoli ha detto...

Prego!