Jazz nel pomeriggio

venerdì 28 febbraio 2014

The Two Headed Freap (Ronnie Foster)

 Dal ’68 circa in poi, soprattutto dopo che Alfred Lion si fu ritirato, la Blue Note discese rapidamente la china, non tanto perché scelse la via di un jazz-funk facile, quanto perché, in quell’ambito, scritturò degli autentici tombini, per esempio la flautista Bobby Humphrey.

 Ogni tanto però, forse per caso, qualcosa di ascoltable usciva, per esempio questo disco dell’organista Ronnie Foster. Nel clima di revival attuale,  potrebbe anche essere ristampato con vantaggio (e forse lo è stato).

 The Two Headed Freap (Foster), da «The Two Headed Freap», Blue Note 30282. Ronnie Foster, organo; Gene Bertoncini, chitarra; Gordon Edwards, basso elettrico; Jimmy Johnson, batteria; Arthur Jenkins, conga. Registrato nel gennaio 1972.



 Download

2 commenti:

LUIGI BICCO ha detto...

Questo disco l'ho ascoltato parecchio. A me è sempre piaciuto. Sono stato innamorato perso del brano Mystic Brew (questa QUI, tanto per intenderci).

Così come ho amato la versione remixata di Madlib (Mystic Bounce, che puoi ascoltare QUI). Per realizzare quell'album (Shades of Blue), Madlib ebbe il permesso della Blue Note di accedere al suo intero archivio storico. Pensa che pacchia.

Ma tornando all'album di Ronnie Foster, se non erro tra i musicisti compare anche George Devens (vibrafono e shaker).

Mi hai messo di buon umore. Torno ad ascoltarlo tutto.

Jazz nel pomeriggio ha detto...

Mi hai messo di buon umore

Mi fa piacere, è un po' lo scopo del blog.