Jazz nel pomeriggio

venerdì 21 febbraio 2014

Nature Boy (Misha Mengelberg)

 Misha Mengelberg può non piacere, ma è molto difficile sentirgli fare qualcosa di banale. Qui, insieme al quasi inseparabile Han Bennink, Mengelberg appare particolarmente stimolato da uno dei più begli standard del secondo dopoguerra, Nature Boy, la canzone di Eden Ahbez resa celebre da Nat King Cole.

 Il saxofonista Piet Noordijk  è memore di Dolphy, che con Mengelberg e Bennink aveva suonato il suo ultimo concerto pochi mesi prima proprio in Olanda, e fraseggia con musicalità e passione, ma il fulcro dell’esecuzione è l’assolo di Mengelberg, che in quegli anni scopriva fra i primi il repertorio di Herbie Nichols, prestando un orecchio attento anche al suo stile pianistico, come qui si sente benissimo (l’ultimo pezzo di questo disco è dedicato a Nichols).

 Nature Boy (Ahbez), da «Driekusman Total Loss», Varajazz 210. Piet Noordijk, sax alto; Misha Mengelberg, piano; Gary Peacock, contrabbasso; Han Bennink, batteria. Registrato il 4 dicembre 1964.



 Download

Nessun commento: