Jazz nel pomeriggio

giovedì 12 aprile 2012

’S Make It (Walter Davis) [era: Quiz #20]

  Riconosco che non era facilissimo, ma mi disturba che tu non abbia nemmeno voluto provare. Era il pianista Walter Davis in una gemma seminascosta del catalogo Blue Note: non solo Donald Byrd non ha mai suonato così bene, non solo c’è Jackie McLean in un umore insolitamente disteso, non solo Art Taylor ha l’agio inconsueto di mostrare come fosse ben più del rigoroso metronomo che molti credono, ma ci sono le composizioni di Davis, sorprendenti nella loro cantabilità serpentina e nelle loro strutture insolite. Questa è di ventiquattro battute, un raddoppio del blues in 12 nella sua tonalità più comune, Sib, ma ha una melodia unica non sezionale, che cioè si sviluppa senza ripetizioni lungo l’intero chorus («durchkomponierte»).

  ’S Make It (Davis), da «Davis Cup», Blue Note CDP 7243 8 32098 2 8. Donald Byrd, tromba; Jackie McLean, sax alto; Walter Davis, piano; Sam Jones, contrabbasso; Art Taylor, batteria. Registrato il 2 agosto 1959.



  Download

PS Sotto-quiz.  Il lettore Seth Devita mi chiede aiuto per riconoscere il primo pezzo di questo filmato: io, il tuo quiz-master, non l’ho saputo aiutare! Tu ce la fai?

12 commenti:

Paolo Lancianese ha detto...

E' colpa del mio computer o è divShare che oggi non funziona?

Marco Bertoli ha detto...

ma porca miseria

Paolo Lancianese ha detto...

Nel 1959 (e negli anni successivi) la conquistò l'Australia.

Marco Bertoli ha detto...

In modo cifrato, il Lancianese mi sta facendo capire che ha indovinato, ma ti sta anche dando un indizio.

Come al solito, lui lo consideriamo fuori concorso. Qualcun altro vuole provarci? È difficile, eh.

Marco Bertoli ha detto...

(in particolare, dall'indizio dato da Lancy dovrebbe essere favorito M.G., che è un enciclopedico, oltre che di hard bop, di sport).

Ma nessuno riesce ad aiutare Seth?

R. Yunus Satrio Hastomo ha detto...

Hi Marco Bertoli.. I really like your blog and posts here! :)

I had to translate it first with google translator but I enjoy to read them

Please visit my jazz blog too here:

jazzofthufeil.blogspot.com

I'm new in blogging, still learning, so I'd appreciate any comment, suggestion etc from you all... thank you :)

Marco Bertoli ha detto...

I like your fledgling blog! Welcome to the jazz blog-o-sphere.

Anonimo ha detto...

Arrivato in ritardo, ma questa la sapevo, per una volta... Comunque l'Australia, che in quegli anni aveva giocatori straordinari, usufruì del Challenge Round, abolito solo nel 1972. Il sistema era quello della Coppa America di vela: il vincitore aspettava in finale e acasa propria, l'anno seguente, l'avversario che usciva dai gironi eliminatori continentali. Tra il 1950 ed il 1967 gli australiani vinsero 15 Coppe Davis (negli altri casi s'imposero gli Stati Uniti). Per due volte batterono in finale l'Italia, nel 1960 e 1961, l'Italia di Pietrangeli, Gardini Sirola (che giocava il doppio col grande Nick) e Merlo. Senza il Challenge, al Foro Italico magari, chissà chissà come sarebbe andata...
M.G.

Anonimo ha detto...

Scusa Marco per la passeggiata fuori dall'orto di casa, ma non ho resistito: tu ed il Lancianese mi mettete Laver e Pietrangeli sul piatto... Io che devo fa'?
M.G.

Marco Bertoli ha detto...

Ma tu, invece di queste pur mirabili spataffiate di sport, perché non pensi a un guest-post? Ti ritieni di più di una Valentina, di un Lancianese, di un 403, di un Luca Conti (che l'ha promesso)? ;-D

Anonimo ha detto...

No, mi ritengo MOOOOOLTO di meno, ehm. Finché si tratta di spataffiare sport...
M.G.

Anonimo ha detto...

Ah, di là, dall'Interdonato, devi dirimere alcuni dubbi che hai provocato con nebbiosi riferimenti a commendatori in celluloide...
M.G.